26 27 28 ottobre

Scopri il sito di STRADARTS

Venerdì 26 ottobre 15.00 – 18.00

 “Vetrina internazionale #2” – Round Table (introduce e modera Federico Toso)

Secondo appuntamento della tavola rotonda sul ruolo dei festival e delle direzioni artistiche per la definizione di un dispositivo di supporto della produzione artistica per lo spettacolo di strada e il circo contemporaneo, verso la creazione di una futura vetrina delle eccellenze artistiche italiane. Presentazione pubblica della bozza di proposta e confronto trasversale con artisti ed operatori
Le produzioni artistiche italiane hanno bisogno di un nuovo concetto di valorizzazione nei circuiti internazionali, in grado di far emergere la ricchezza di produzione, senza tuttavia intaccarne la natura artigianale. Nel 2020 ospiteremo a Torino la quarta edizione di Fresh Street, evento europeo di settore, che sarà un’occasione per mettere alla prova un modello di vetrina su cui abbiamo già iniziato a lavorare. Il modello vuole essere il risultato di una scrittura condivisa con i professionisti del settore.
Il primo step di lavoro è stato la prima tavola rotonda – programma stRADARts in Just for Joy Street Arts Festival,  Torino settembre 2018 – con direttori artistici, diffusori e artisti, in cui ci ci siamo confrontati sui modelli esistenti a livello europeo e la loro adattabilità alla realtà italiana. Il risultato è stato quello di redarre una prima bozza di vetrina che presentiamo a Bologna Città di Circo per allargare la partecipazione ad altri professionisti del settore ed integrare ulteriori suggerimenti, prima di un terzo step di lavoro specialmente rivolto al coinvolgimento degli operatori internazionali, previsto per febbraio a Parigi.
 
Sabato 27 ottobre 15.00 – 18.00 

“Fare spettacolo negli spazi pubblici: le comunità del nuovo circo fra valorizzazione, conflitti e tutela di un patrimonio culturale”.

Le comunità del circo dialogano quotidianamente con sè stesse e con il contesto in cui agiscono. Un contesto che è spesso rappresentato da beni comuni, identità locali e normative specifiche. Il circo si interroga quindi sul proprio valore come patrimonio culturale per riuscire a incontrare le altre comunità, quelle che lo ospitano, superando i conflitti ed armonizzando il potenziale socio-culturale reciproco.



Achille Zoni (moderatore)
, Artista e membro del collettivo MagdaClan Circo. Ricercatore e membro del Centro Studi sui Diritti Umani presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Qui si occupa in particolare di patrimonio culturale intangibile e di identità culturale, di tutela e salvaguardia dei mestieri fragili, di arte di strada e di circo nelle proprie dimensioni identitarie e culturali.


Lauso Zagato
 Giurista, ha insegnato Diritto internazionale dei beni culturali e Diritto dell’Unione europea all’Università Ca’ Foscari di Venezia ed è stato titolare del corso di Diritti umani e politiche di cittadinanza presso la stessa Università. Si è occupato in particolare di problemi legati ai profili internazionali e comunitari della protezione della proprietà intellettuale, allargando poi la ricerca al diritto umanitario, in particolare alla tutela dei beni culturali nei conflitti armati, e alla tutela del patrimonio culturale intangibile e delle identità culturali delle minoranze.


Simona Pinton 
Giurista e ricercatrice in diritto internazionale del patrimonio culturale presso l’ Università Ca’ Foscari di Venezia. Attualmente è parte di un gruppo di ricerca sui traditional knowledge e sui beni comuni a Venezia, lavorando a stretto contatto con le comunità patrimoniali coinvolte nei progetti. Il suo lavoro è volto a offrire un approccio “bottom-up” basato sulle linee guida della Convenzione di Faro sul valore del patrimonio culturale per la società. 


Vincenzo Padiglione, 
Antropologo, è docente all’Università di Roma “La Sapienza”, dove insegna antropologia culturale, antropologia museale, etnografia della comunicazione. Ha svolto ricerche nell’area del Mediterraneo sull’identità locale e il patrimonio culturale, l’amicizia maschile, il familismo e la relazione uomo animale nel circo, nella caccia e nella pastorizia.


Aurelio Rota,
 Direttore Artistico di festival di circo contemporaneo, arti di strada e culture del mondo. Coordinatore del Forum Nuovi Circhi Fnas.
Salvatore Frasca
Fondatore e Direttore Artistico, nonché artista del Side Kunst Circus. Direttore Artistico di festival di circo contemporaneo in vari paesi d’Europa.
 
Domenica 28 ottobre 11.00 – 13.00

“L’EQUILIBRIO DEL CUCCHIAINO di Adriano Sforzi – Il più grande sfortunato e felice giocoliere di tutti i tempi”.

Un racconto del docufilm con la partecipazione del Regista e del protagonista Alberto “Bertino” Sforzi. Una testimonianza straordinaria che ci offrirà uno spaccato sulla fantastica epopea del Circo. Verrà inoltre presentato il film degli anni ‘60 “Piccola arena Casartelli”, restaurato dalla Cineteca di Bologna, alla presenza di Davio Casartelli, Proprietario del Circo Medrano, che racconterà l’epopea che ha portato quel piccolo circo a diventare il grande Circo Medrano, che negli anni settanta vantava uno chapiteau con tre piste.



 Adriano Sforzi, erede di un’antica famiglia circense ha girato l’Italia con il Luna Park sino ai 15 anni. Nel 2005 è Assistente alla regia sul film di ERMANNO OLMI, “Cento Chiodi”.
Dal 2001 frequenta “la bottega” IpotesiCinema di Ermanno Olmi partecipando alla realizzazione di due documentari coprodotti da RaiTre: Autoritratto Italiano (60ma Mostra del cinema di Venezia) ed Attese. Nel 2010 ha scritto e diretto “Jody delle giostre”, cortometraggio finanziato dal Ministero dei Beni Culturali come film d’interesse nazionale culturale che vince molti premi tra cui il DAVID DI DONATELLO 2011 come Miglior Cortometraggio.  Nel 2014 scrive, produce e dirige il documentario sul più grande sfortunato e felice giocoliere di tutti i tempi: L’EQUILIBRIO DEL CUCCHIAINO.
 
Domenica 28 ottobre 14.00 – 18.00 – NUOVO CINEMA CIRCO a cura di Raffaele De Ritis, un’iniziativa del Progetto Quinta Parete
IL CIRCO DELL’IMPOSSIBILE, autentica e funzionante macchina del tempo brevettata per viaggiare attraverso la storia e i protagonisti delle arti circensi. In collaborazione con l’archivio storico di Raffaele De Ritis e con Circopedia.com, verrà composto un programma tematico di filmati di numeri circensi integrali di varie epoche della storia del circo. Saranno presentati temi come i campioni delle varie discipline circensi; i vincitori dei grandi festival; le stelle del Circo Sovietico; il best of del Cirque du Soleil; le grandi tappe dell’arte aerea, etc… Raffaele De Ritis fa parte della generazione creativa nota al principio del XXI secolo come “nouveau cirque”, legata all’evoluzione del circo classico statunitense ed europeo, attivo in tale campo come regista e storico, “esponente di punta nel nuovo movimento naturalistico della regia circense” (Glenn Collins, The New York Times, 2004). Studioso, formatore e regista, ha collaborato con le più prestigiose realtà a livello mondiale.